Adeguamento degli statuti: Gli Enti sportivi hanno tempo fino al 31 dicembre 2023 per adeguare i loro statuti alle nuove disposizioni. L’esenzione dall’imposta di registro (€200) è prevista solo per le modifiche statutarie adottate entro questa data.

Contenuti degli Statuti: I nuovi statuti devono indicare chiaramente l’oggetto sociale, concentrandosi sull’organizzazione e la gestione di attività sportive dilettantistiche. E’ prevista anche la possibilità di svolgere attività secondarie e strumentali diverse da quelle principali. Il concetto di “fine di lucro” è ridefinito, imponendo un vincolo più stretto sulla destinazione del patrimonio e vietando la distribuzione degli utili. Inoltre l’incompatibilità degli amministratori viene estesa.

Conseguenze della Mancata Conformità: Gli Enti che non adeguano i loro statuti rischiano l’inammissibilita’ della richiesta di iscrizione al Registro RAS per quelli di nuova costituzione e la cancellazione d’ufficio per quelli già iscritti.

Lavoro Sportivo e Volontariato: Il correttivo introduce importanti modifiche, tra cui l’inalzamento da 18 a 24 ore settimanali per la presunzione di lavoro autonomo (co.co.co.) nell’area del dilettantismo. E’ previsto un meccanismo di silenzio assenso per l’autorizzazione al lavoro sportivo dei pubblici dipendenti e la possibilità di rimborsare le spese dei volontari fino a un massimo di €150 mensili.

INAIL: L’obbligo di comunicazione al Registro degli Enti Sportivi (RAS) è esteso a tutti i co.co.co. sportivi, indipendentemente dall’importo del compenso.

Moratoria: In fase di prima applicazione, gli adempimenti e i versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali per I co.co.co. di lavoro sportivo nell’area del dilettantismo possono essere effettuati entro il 31 ottobre 2023.

Misure a Sostegno per le piccole realtà sportive: E’ previsto un contributo per le associazioni con ricavi non superiori a €100.000 nell’anno precedente, basato sui contributi previdenziali versati sui compensi dei lavoratori sportivi.

IRAP: Si introduce un’agevolazione ai fini IRAP per i compensi delle co.co.co. di lavoro sportivo inferiori a €85.000.